Mediterraneo Downtown: Dialoghi, Culture, Società

Venerdì, 05 Maggio 2017 Scritto da 

Grandi preparativi per la prima edizione di Mediterraneo Downtown: dopo un primo numero zero che si è svolto nel novembre del 2016 al Teatro Metastasio di Prato, tutto è pronto per la partenza del vero e proprio Festival. Mediterraneo Downtown: dialoghi, culture e società si terrà il primo week end di maggio (5-6 e 7 maggio) e questa volta si tratterà di una pacifica e animata invasione del centro storico di Prato.

I promotori sono ancora una volta COSPE, Comune di Prato, Regione Toscana, Libera e, nuove arrivate, Amnesty International e Legambiente, con molti altri partner e compagni di viaggio.

Il quartier generale dell’evento sarà il complesso della Ex Campolmi, tra il Museo del Tessuto e la Biblioteca Lazzerini, ma saranno le strade, le piazze, i teatri, i cinema, i musei e le librerie di tutta la città ad essere protagonisti di una manifestazione che assumerà i connotati di un festival popolare, di una operazione culturale e divulgativa, con una offerta che spazierà tra incontri pubblici con testimonial autorevoli, arte contemporanea, concerti, libri, cinema, attività per bambini, incontri di giovani studenti, attività sportive.

Tanti anche gli eventi di avvicinamento al Festival. Tra questi possiamo citare: il Village e la Maratonina di Prato  (15- 17 aprile 2017),  Prato Campus Week (20 al 22 aprile)  il concerto di Ginevra di Marco e Luis Sepulveda al teatro della Compagnia di Firenze (24 aprile), il Festival dei Diritti Umani di Milano  (2-5 maggio). E molti altri ancora che scoprirete sul sito dedicato e sui nostri social.

I temi del Festival  

Al centro dei dibattiti del talk show e delle presentazioni di libri, ci saranno come al solito i diritti, declinati sui “femminismi” e diritti delle donne ed LGBTI nel Mediterraneo: ne parleremo con ospiti da Egitto, Tunisia, Palestina e Italia. Quali sono, come e in che contesto agiscono i movimenti femministi e, fenomeno ancora più inesplorato, i movimenti Lgbti: tanti gli incontri, proiezioni di documentari e film in collaborazione con il Queer Festival di Firenze.

Tra i panel non ne mancherà uno su economie e relazioni economiche sostenibili, giovani e innovative.

Le migrazioni, uno dei temi portanti del nostro festival, saranno affrontate da una prospettiva particolare ovvero, “quando la migrazioni bussano alla tua porta”: un’ esplorazione originale del fenomeno dando spazio e voce ad un gruppo di persone che hanno dovuto scegliere da che parte stare quando un fenomeno epocale e globale come la migrazione ha bussato alle loro porte.

Tra gli invitati Cedric Herrou, l’agricoltore francese incarcerato per favoreggiamento all’immigrazione clandestina fino al capitano della nave Aquarius, Klaus Vogel, premiato l’anno scorso con “Un Mediterraneo di pace”.

Saranno i fumetti o le graphic novel, al centro del focus sulla libertà d’espressione: l’informazione a fumetti è infatti un fenomeno la cui importanza è in costante crescita e che, pur nella diversità, rappresenta un denominatore comune tra le diverse sponde del Mediterraneo. Ospiti fumettisti dalla Francia, dalla Tunisia dall’Egitto e dal Marocco.  

 

 

Fonte: COSPE