Inchieste

Venerdì, 03 Maggio 2013 00:00

Repubblica Centrafricana: violenze e abusi

Il motivo di questa decisione è la situazione del paese, dove predominano violazioni dei diritti umani e una sempre più grave situazione umanitaria. Nel documento consultivo sui rimpatri, pubblicato lo scorso 25 aprile, l'Agenzia sottolinea che nelle attuali circostanze molte persone in fuga dalla RCA probabilmente soddisfano i criteri sullo status di rifugiato enunciati dalla Convenzione dell'Organizzazione dell'Unità Africana (OUA) e dalla Convenzione ONU del 1951. La situazione nella Repubblica Centrafricana si è aggravata dallo scorso dicembre, quando le forze Seleka hanno sferrato una serie di attacchi dalle regioni settentrionali per poi acquisire il controllo della capitale Bangui alla fine…
Lunedì, 15 Aprile 2013 00:00

Un mondo senza pena di morte?

Alcuni paesi come Gambia, Giappone, India, Pakistan e Iraq hanno ripreso l'esecuzioni. Nel 2012 ci sono state esecuzioni solo in 21 paesi: lo stesso numero del 2011, ma in calo rispetto a un decennio prima (28 paesi nel 2003). Amnesty International è venuta a conoscenza di 682 esecuzioni, due in più rispetto al 2011, e di almeno 1722 sentenze capitali in 58 paesi, rispetto alle 1923 in 63 paesi dell’anno precedente.Questi numeri, tuttavia, non includono le migliaia di esecuzioni che Amnesty International ritiene abbiano avuto luogo in Cina, dove i dati sulla pena di morte sono mantenuti segreti. “I passi…
Giovedì, 04 Aprile 2013 00:00

TAV versione marocchina

"È un progetto catastrofico, imposto dalle autorità governative senza alcun dibattito politico". Le parole di Hassan Akrouid durante il World Social Forum sul TGV Casablanca-Tangeri. Una tratta lunga oltre 250 chilometri, che dimezzerà i tempi di percorrenza - invece di quattro ore e 45 minuti se ne metteranno due e un quarto- e che costerà 2,5 miliardi di euro. Soldi che, ci spiega l'esponente degli "Stop TGV", in parte arriveranno sotto forma di prestito (poco meno di 600 milioni) e di dono (82 milioni) dalla Francia, grande sponsor del progetto dai tempi della presidenza di Nicholas Sarkozy. L'accordo siglato tra…
Lunedì, 18 Marzo 2013 00:00

Iraq: dieci anni dopo l'invasione

In un rapporto diffuso l'11 marzo 2013, Amnesty International ha affermato che, 10 anni dopo l'invasione diretta dagli Usa che abbatté il brutale regime di Saddam Hussein, l'Iraq resta intrappolato in un orribile ciclo di abusi, tra i quali gli attacchi contro la popolazione civile, la tortura nei confronti dei detenuti e i processi irregolari. Il rapporto di Amnesty International contiene una cronologia di torture e altri maltrattamenti ad opera delle forze di sicurezza irachene e di truppe straniere, all'indomani dell'invasione del 2003. Inoltre, mette in luce il costante venir meno delle autorità irachene all'obbligo di rispettare i diritti umani…
Lunedì, 18 Febbraio 2013 00:00

ONG e le tendenze del web 2.0

I dati ufficiali parlano di 75% di persone che usano quotidianamente i social media mentre i blog sulla rete sono ormai alcune centinaia di milioni e ogni minuto su YouTube vengono caricate 60 ore di nuovi video. Di fronte a così tante voci, come utilizzare al meglio questi strumenti digitali per promuovere una cultura della solidarietà? Sembra che le Ong italiane stanno cogliendo le straordinarie opportunità del cambiamento dato che sono in grado di comunicare e coinvolgere in rete. Secondo i dati della ricerca realizzati da Vps le Ong coinvolte hanno dichiarato di possedere un sito, che solo nel 28,1%…
Lunedì, 21 Gennaio 2013 00:00

Guerra in Mali

Il Mali, lo stato dell'Africa occidentale è situato all'interno e senza sbocchi sul mare. Il territorio, caratterizzato dalla particolare forma a clessidra obliqua, è abitato da una pluralità di etnie disomogenee (il 90% dei maliani appartiene a etnie sub sahariane). Il gruppo principale è della lingue mandè, diffuse in tutta l'Africa Occidentale al quale appartengono i Mandinka ed i Bambara, che oggi costituisce il gruppo predominante in Mali. Il 90% dei maliani è musulmano, sebbene sopravvivano nelle varie etnie residui animistici e dei culti gentili. L'Islam maliano si è tradizionalmente contraddistinto per la sua moderazione, e la convivenza con gli…
Dall'Ecuador all'Italia, dalla Guatemala all'Egitto fino al Messico, l'Iran e tanti altri paesi, numerose sono state le buone notizie sui diritti umani nel 2012. Leggi le migliori 12! Ecuador - Il 4 gennaio 2012 la corte d'appello della città di Lago Agrio, nella provincia di Sucumbios, ha confermato la condanna della Chevron per disastro ecologico e danni alla salute delle parti lese. Nel febbraio 2011 il tribunale aveva ordinato alla Chevron di pagare 8 miliardi e mezzo, ma nella sentenza d'appello l'importo è raddoppiato anche perché la Chevron si è sempre rifiutata di scusarsi pubblicamente, come richiesto dalla sentenza. Italia …
Lunedì, 26 Novembre 2012 00:00

Il Terzo Settore e il Fundraising

Il Terzo Settore, orientato alla produzione di beni e servizi di utilità sociale, nasce in risposta all'impossibilità dello Stato di far fronte all'intera domanda di beni pubblici espressa dai cittadini e dall'altra parte dall'incapacità delle imprese for profit di controllare totalmente i propri produttori attraverso gli ordinari meccanismi di Mercato. Il Terzo Settore è invece in grado di esercitare un controllo attraverso un meccanismo alternativo, ovvero il vincolo di non redistribuzione degli utili. In Italia, le organizzazioni di Terzo Settore, pur avendo diversa natura giuridica, struttura organizzativa e consistenza economica e finanziaria, devono condividere alcune caratteristiche (l'assenza di scopo di…
Lunedì, 29 Ottobre 2012 00:00

Nobel per la Pace all’Unione Europea

L’Unione Europea era già in corsa nel 2011 e quest’anno il comitato norvegese che assegna il Nobel per la pace a chi “da oltre sei decenni promuovere la pace, la riconciliazione, la democrazia e i diritti dell’uomo in Europa”. Se per il presidente della Commissione Europea, José Manuel Barroso, l’Unione europea è come “qualcosa di molto prezioso per il bene degli europei e del mondo”, il presidente permanente del Consiglio europeo, Herman Van Rompuy, la trova come “il più grande operatore di pace nella storia”. “È un grandissimo onore per l'Unione Europea ricevere il premio Nobel per la pace 2012.…
Lunedì, 08 Ottobre 2012 00:00

Forum Cooperazione...e ora?

Caratterizzato da una partecipazione straordinaria e da una presenza istituzionale ai più alti livelli, dal Capo dello Stato al premier Monti, dai ministri di Esteri e Cooperazione al commissario europeo per lo Sviluppo, fino a cooperanti ed esponenti della società civile. Soddisfatte dunque le ong, che da anni faticano per portare avanti la cooperazione italiana? Lo chiediamo a Gianfranco Cattai, presidente della Focsiv e dell'Associazione Ong Italiane. "Il principale aspetto positivo di questo Forum è stato senza dubbio quello di avere riacceso l'attenzione sul tema della cooperazione internazionale - sostiene Cattai - di aver rilanciato la parola solidarietà e di…