Notizie

Lunedì, 06 Giugno 2016 02:00

Bruxelles e immigrazione

Arrivano le novità da Bruxelles. L’intenzione è quella di raccogliere 60 miliardi di euro di investimenti privati per progetti nei Paesi terzi ed affrontare le cause all'origine delle migrazioni. Lo ha anticipato il Financial Times, secondo il quale, tra i Paesi destinatari degli accordi ci sono Tunisia, Giordania, Libano, Niger ed Etiopia. La Commissione Ue pianifica di riallocare otto miliardi da fondi già esistenti e un Fondo per raccogliere 60 miliardi di euro. Intanto la Ue chiede al Consiglio di Sicurezza una nuova risoluzione per autorizzare l'allargamento del mandato dell'Operazione Sofia lungo le linee decise a Bruxelles il 21 maggio.…
Martedì, 31 Maggio 2016 02:00

Crisi dei migranti

La crisi dei migranti mette a dura prova le risoluzioni in materia di diritti fondamentali dell'Ue. E' la tesi della relazione sui diritti fondamentali 2016 a cura della European Union Agency for Fundamental Rights (Fra), un organismo indipendente dell'Ue, finanziato dal bilancio dell'Unione. Oltre un milione di persone ha cercato rifugio nell'Ue nel 2015, un aumento pari a cinque volte i valori dell'anno precedente. Un dato che sarà al centro della discussione del Forum dei diritti fondamentali 2016, in programma a Vienna tra il 20 e il 23 giugno. Con 60 milioni di persone forzatamente sfollate in tutto il mondo…
Lunedì, 23 Maggio 2016 02:00

Il primo World Humanitarian Summit

Si è aperto oggi a Istanbul il primo World Humanitarian Summit voluto dal segretario generale dell'Onu Ban Ki-moon. Alla presenza 65 capi di Stato e rappresentanti dei governi, agenzie dell'Onu, ong e istituzioni umanitarie, sarà il presidente turco Recep Tayyip Erdogan ad aprire la cerimonia inaugurale. Poi toccherà alla cancelliera tedesca Angela Merkel, impegnata a Istanbul anche in incontri bilaterali. Il summit si concentrerà su principali questioni dell'azione umanitaria ovvero su come prevenire e porre fine ai conflitti, rispettare il diritto umanitario internazionale in guerra, non abbandonare nessuno, lavorare per mettere fine alle necessità, investire nell'umanità. Fonte: ANSAmed
Giovedì, 19 Maggio 2016 02:00

La Cooperazione italiana in Ecuador

La Cooperazione italiana ha deciso di finanziare un progetto dell'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) per la riabilitazione dei servizi sanitari nella Provincia di Manabì, in Ecuador, epicentro del terremoto del 16 aprile scorso. Il finanziamento, del valore di 395 mila euro, consentirà di svolgere attività nel settore della fornitura di acqua e della sorveglianza epidemiologica. Grazie al progetto verrà garantita la rapida riattivazione dei servizi essenziali, in particolare a favore delle categorie più vulnerabili. Fonte: Cooperazione allo Sviluppo
Lunedì, 16 Maggio 2016 02:00

Le navi Ue: l’ingresso in acque libiche

Le unità navali dell'Ue che partecipano all'operazione Eunavfor Med si preparano ad entrare nelle acque libiche, su richiesta delle autorità locali, per condurre attività di addestramento della Guardia costiera. L'Alto rappresentante Ue Federica Mogherini ha annunciato il prolungamento di un anno della missione Sophia e l'estensione del suo mandato ad attività di formazione e addestramento della Guardia costiera e la marina, nonchè al rispetto dell'embargo Onu sulle armi alla Libia. Fonte: ANSAmed
Mercoledì, 11 Maggio 2016 02:00

Premio "Carlo V"

Quasi 30 anni dopo aver inventato il programma Erasmus di scambio tra studenti universitari europei, la professoressa Sofia Corradi, 82 anni, ha ricevuto al monastero di Yuste a Caceres, in Estremadura (Spagna), il prestigioso premio 'Carlo V'. Si tratta del riconoscimento assegnato negli anni a personaggi che hanno contribuito alla costruzione europea. Grazie alla professoressa Corradi sono 4 milioni gli universitari di 4mila atenei che sono riusciti a viaggiare. Fonte: ANSAmed
Lunedì, 09 Maggio 2016 02:00

Giornata dell'Europa

In occasione della Giornata dell'Europa, lunedì 9 maggio a Mitilini, sull'isola greca di Lesbo, le ong Visions2Ventures e BeyondCSRNet, hanno organizzato l'evento "Co-working spaces, social entrepreneurship and the future of Europe". Il tentativo, dicono gli organizzatori, è quello di individuare una strada per l'Europa di fronte alla crisi migratoria. secondo gli organizzatori la crisi può essere risolta solo attraverso l'impegno attivo dei cittadini europei, che devono accogliere le sfide umanitarie e spostare la prospettiva sui rifugiati da problema a opportunità. "Vogliamo, affermano, che questa iniziativa sia il catalizzatore per una visione sociale dell'impresa e dell'innovazione, ed una fonte di ricchezza…
Mercoledì, 04 Maggio 2016 02:00

Incontri tra scrittori Euro-Maghrebini

Si è aperta oggi a Sidi Bou Said la quarta edizione degli ''Incontri tra scrittori euro-maghrebini''. L'iniziativa è organizzata dalla delegazione dell'Ue in Tunisia in collaborazione con Pen International e quest'anno ospiterà autori e romanzieri provenienti da paesi europei e maghrebini sul tema: ''Letteratura e dialogo''. La quarta edizione degli Incontri rientra nell'ambito della promozione del dialogo interculturale dell'Ue tra Europa e paesi del Maghreb e vuol essere un lavoro di riflessione sui meccanismi di un'autentica concertazione e cooperazione in campo culturale tra le due rive del Mediterraneo. I contributi degli autori partecipanti saranno inclusi in un libro che verrà…
Lunedì, 02 Maggio 2016 02:00

L'ennesima tragedia del mare

Sono quasi trenta migranti morti durante la fasi di soccorso in mare di un gommone in difficoltà nel Mediterraneo. Secondo le fonti della polizia di Stato e della squadra mobile di Pozzallo diversi dei sopravvissuti che sono sbarcati nel porto del Ragusano la sera del 30 aprile su nave 'Siem Pilot', che aveva recuperato due dei cadaveri. L'ennesima tragedia del mare è avvenuta il 29 aprile scorso dopo il lancio di una scaletta da parte di un mercantile che era in zona. Fonte: ANSAmed
Il ministro degli esteri kosovaro Petrit Seljimi ha firmato il provvedimento restrittivo nei confronti dei due ministri serbi. Il governo del Kosovo ha imposto il divieto all'ingresso ai ministri serbi della difesa e dell'interno, Zoran Djordjevic e Nebojsa Stefanovic. Il provvedimento restrittivo e' causato dalla scarsa collaborazione e gli ostacoli dei due dicasteri di Belgrado nelle indagini sui crimini di guerra compiuti dai serbi in Kosovo durante il conflitto armato di fine anni novanta. Di recente è stato vietato l’ingresso al leader ultranazionalista serbo Vojislav Seselj, dopo la sua assoluzione dall'accusa di crimini di guerra al tribunale penale dell'Aja (Tpi),…