Notizie

Martedì, 02 Maggio 2017 11:30

Festival Giornalisti del Mediterraneo

E’ giunto alla nona edizione il Festival Giornalisti del Mediterraneo e anche l'omonimo concorso con tre sezioni tematiche: terrorismo internazionale, diritti umani e Europa e turismo e marketing territoriale. Anche quest’anno il programma è vasto: il Festival si svolgerà in due momenti, a Bari, dal 23 al 26 maggio, dove si parlerà di temi legati all'etica dell'informazione, dell'impegno civile, del legame tra informazione e legalità, di tutela dei minori e ad Otranto, dal 5 al 9 settembre, si approfondiranno le questioni legate al Medio Oriente, Isis e Terrorismo. Si terrà, inoltre, il forum "Euro Mediterraneo: il ruolo dei mass media…
Educazione alla cittadinanza globale (GCE) è diventata centrale nel dibattito dell’istruzione e del mondo accademico. A questo proposito diversi eventi saranno organizzati per le scuole globali sia in Italia che in Europa (Bologna, Londra, Ancona e Roma). L'8-9 maggio l'Università di Bologna, congiuntamente con il Ministero dell'Istruzione e della Ricerca, l'Osservatorio Magna Charta e la Conferenza dei Rettori Universitari Italiani, organizzerà una conferenza internazionale in cui entrambi importanti studiosi di GCE e gli attori chiave della Global Education Network Europe (GENE) e l'UNESCO prenderanno in esame la materia del GCE. Il 10-11 maggio a Londra, il Centro di Ricerca per…
Mercoledì, 26 Aprile 2017 12:39

Migranti: morti nel Mediterraneo

Secondo le fonti dell’Organizzazione internazionale delle migrazioni (Oim) dall'inizio dell'anno 1.089 migranti e rifugiati sono morti nel Mediterraneo mentre cercavano di raggiungere l'Europa via mare. Nello stesso periodo (1 gennaio-23 aprile 2017), un totale di 43.204 migranti e rifugiati sono entrati via mare in Europa, l'80% dei quali in Italia (36.851) ed il resto in Spagna e in Grecia. Fonte: OIM
Lunedì, 24 Aprile 2017 14:32

Elezioni in Francia

Spariscono dal ballottaggio per l'Eliseo i partiti che hanno governato la Quinta repubblica, i socialisti e gli eredi dei neogollisti. La finale per guidare il paese nei prossimi cinque anni se la giocheranno Emmanuel Macron, centrosinistra liberal, e Marine Le Pen, estrema destra del Front National. Per la prima volta nella storia moderna della Francia, il candidato del partito che ha appena governato il Paese non arriva al secondo turno. Fonte: ANSAmed
Mercoledì, 19 Aprile 2017 15:15

Unesco: premio pace alla sindaca di Lampedusa

La giuria del Premio Houphouet-Boigny per la ricerca della pace dell'Unesco ha attribuito il prestigioso riconoscimento alla sindaca di Lampedusa Giuseppina Nicolini. Il riconoscimento è andato anche all'Ong francese SOS Méditerranée per aver salvato la vita a numerosi rifugiati e migranti e averli accolti con dignità. "Da quando è stata eletta sindaco nel 2012, Nicolini si è distinta per la sua grande umanità e il suo impegno costante nella gestione della crisi dei migranti e della loro integrazione dopo l'arrivo di migliaia di rifugiati sulle coste di Lampedusa e altrove in Italia", si legge nelle motivazioni. "Dedico questo premio a…
ISPI, Istituto per gli Studi di Politica Internazionale, organizza la Conferenza internazionale dal titolo “Destinazione Europa. Le politiche nazionali e dell'UE nelle scelte dei migranti”. I motivi che inducono le persone a migrare sono chiari: conflitti e pericoli per l’incolumità personale, ricerca di maggiori diritti e libertà, miglioramento delle proprie condizioni economiche. La speranza che queste condizioni possano essere trovate proprio qui, in Europa – di fronte al moltiplicarsi delle crisi in Africa e in Medio oriente – ha spinto in questi anni sempre più migranti e rifugiati a dirigersi verso il Vecchio continente, nella “crisi migratoria” più importante dalla…
A Budapest per difendere l'Università dell'Europa centrale (Ceu), finanziata dal miliardario americano di origine ungherese George Soros, sono scese in piazza circa 70mila persone.La legge è stata approvata qualche giorno fa dal Parlamento per chiudere l'università anglofona fondata nel 1991e il capo dello Stato ha tempo fino a lunedì a mezzanotte per promulgarla oppure sottoporla alla Corte costituzionale.I mezzi di informazione indipendenti hanno sottolineato che si è trattato della più imponente manifestazione dopo quella organizzata contro il progetto di legge per tassare internet dell'ottobre 2014, alla quale avevano preso parte fra le 30.000 e le 40.000 persone. In quell'occasione il…
Lunedì, 03 Aprile 2017 10:23

Serbia: Vucic vince le elezioni

Con lo spoglio del 56,56% delle schede elettorali, il premier Aleksandar Vucic si conferma vincitore delle presidenziali di ieri in Serbia con il 57,03% dei consensi. Ne ha dato notizia nella notte la commissione elettorale a Belgrado. Sarò "il presidente di tutti" ha detto Vucic, il quale ha aggiunto di volersi occupare di tutti i cittadini, sia di quelli che hanno votato per lui sia di quelli che non lo hanno fatto. Parlando al suo quartiere elettorale di Belgrado, dove è stato a lungo festeggiato da sostenitori, collaboratoti, esponenti del suo partito Sns, compreso il ministro degli esteri Ivica Dacic,…
Lunedì, 20 Marzo 2017 10:41

Migranti: calo degli arrivi

Il 18 marzo scorso con l'accordo Ue-Turchia si è chiusa la rotta balcanica dei migranti. I 28 capi di stato e di governo europei hanno approvato la “Dichiarazione Ue-Turchia” che prevede, tra l'altro, il pagamento da parte dell’Ue di 3 miliardi di euro per gli anni 2016 e 2017 a sostegno delle condizioni di vita dei rifugiati siriani in Turchia. A distanza di un anno l’Ue rileva che gli arrivi sono calati del 97% e di circa 10mila arrivi al giorno nell'ottobre 2015, la media attuale è di soli 43. Su base annuale, dai 988.703 dei 12 mesi precedenti ai…
Lunedì, 13 Marzo 2017 11:44

Il destino dei bambini siriani

Secondo il Fondo delle Nazioni Unite per l'infanzia dell'Unicef, almeno 652 bambini sono stati uccisi in Siria nel 2016. Si tratta dell'anno difficile per le nuove generazioni. In un ultimo rapporto, l'Unicef specifica che almeno 255 bambini sono stati uccisi mentre erano a scuola o nelle sue vicinanze, mentre 1,7 milioni di giovani non possono più frequentarla. Una scuola su tre in Siria è inutilizzabile, alcune perché occupate da gruppi armati. E altri 2,3 milioni di bambini siriani sono rifugiati in altre parti del Medio Oriente. Fonte: Unicef