GESTIRE L'ACQUA IN UN CLIMA CHE MUTA: COME DEVE CAMBIARE L'AGRICOLTURA

23-05-2015 Posted by:  

 "Gestire l’acqua in un clima che muta: come deve cambiare l’agricoltura". E' il titolo dell’incontro che si terrà a Rubano 23 maggio 2015.

Il seminario è parte di  un percorso che coinvolge i territori di 3 regioni italiane, Veneto, Marche, Emilia Romagna, con l’obiettivo di valorizzazione il ruolo e le competenze della società civile, delle organizzazioni contadine,  delle istituzioni pubbliche sui temi  della gestione delle risorse naturali  nel contesto dei mutamenti climatici. Esso è rivolto a centri di ricerca, associazioni, organizzazioni di produttori agricoli, amministrazioni locali  per analizzare i problemi legati ai mutamenti climatici sui territori, presentare  buone pratiche, individuare proposte e linee guida da implementare.

Il focus del seminario è sul nesso acqua-agricoltura-territorio e i temi specifici da approfondire sono:

1.      L’impatto dei cambiamenti climatici sulle risorse idriche  e sul territorio nelle  3 regioni coinvolte

2.      Le risposte dell’agricoltura per una gestione sostenibile della risorsa acqua e del territorio

3.      Le politiche da promuovere a livello locale/nazionale/internazionale per sostenere la transizione dell’agricoltura verso un modello sostenibile.        

Il seminario è strutturato per favorire al massimo lo scambio e la partecipazione tra i soggetti più direttamente coinvolti, in particolare gli agricoltori, ed il confronto con le istituzioni più direttamente interessate ai temi trattati: la Regione, i Consorzi di Bonifica, gli istituti e i centri di formazione. 

Sessione mattutina (9:30-13:15)

9.30-10.15:  Relazioni introduttive

·         Alberto Bonini (ARPA Veneto): Le nuove condizioni meteo-climatiche e le esigenze idriche dell’agricoltura in Veneto

·         Gianni Tamino (Università di Padova): Il futuro dell’agricoltura alla luce della complessità e incertezza legata ai cambiamenti climatici

·         Giovanni Beghini (ISDE): Come deve cambiare l'alimentazione: Impatto  della    zootecnia sulle risorse ambientali  nel contesto dei mutamenti climatici

10.15-13.15: Presentazione di buone pratiche dal territorio veneto, in risposta ai problemi identificati, su due aree tematiche: Agro-biodiversità e gestione dei suoli e Gestione dell’acqua e delle risorse forestali. Saranno a disposizione 10 minuti per la presentazione di ogni buona pratica.

Modera: Lucio Brotto (Agronomi e Forestali Senza Frontiere Onlus)

Agro-biodiversità e gestione dei suoli 

Introduce e coordina Tiziano Quaini (A.Ve.Pro.Bi.)

·         Tiziano Quaini:  Scelte varietali per un’agricoltura sostenibile

·         Giandomenico Cortiana: (agricoltore biologico A.Ve.Pro.Bi.): Progetto Filiera corta dei cereali antichi 

·         Enrico Casarotti, (A.Ve.Pro.Bi): Situazione dei terreni veneti e ripristino della sostanza organica

 

Gestione dell’acqua e delle risorse forestali

Introduce e coordina Guglielmo Donadello (Legambiente)

·         Guglielmo Donadello (Legambiente): L’irrigazione a bassa pressione sulla coltura delle patate

·         Giancarlo Gusmaroli (studio Ecoingegno di Venezia, coordinatore tecnico-scientifico del progetto LIFE+ AQUOR 10/ENV/IT/380): L’agricoltura che ricarica gli acquiferi: verso un Contratto di Falda con il progetto LIFE+ AQUOR

·         Maurizio Siligardi (APPA Trento-Agenzia provinciale per la protezione dell'ambiente): Scarsità di acqua nelle Alpi: strategie e best practices per una gestione plurima e condivisa

·         Giovanni Guglielmini: Esperienza di un'azienda zootecnica a basso fabbisogno energetico e di acqua in Lessinia

·         Alessandro Pasini, Progetto InBioWood: arboricoltura policiclica bassa Veronese 

 

*Nel corso della mattinata è previsto un Coffee break

*13.15-14.15    Pranzo presso l'Osteria del Parco con prodotti bio e km.

Sessione pomeridiana (14.30-17.00)

Tavola rotonda

Quali indicazioni dalle buone pratiche e come sostenerne la realizzazione

La tavola rotonda sarà formata dai relatori della mattina e da Luigi De Lucchi -Dirigente del Servizio Bonifica e Tutela del Territorio Rurale della Regione Veneto- che illustrerà i punti chiave del PSR 2014-2020.  E’ previsto un primo giro di interventi  (15 minuti per il rappresentante della Regione Veneto, 5 minuti per i relatori della mattina), seguito da un dibattito con tutti i partecipanti e da un secondo giro conclusivo di interventi.

Coordina: Giorgio Menchini (COSPE)–Responsabile Area Tematica Comunità, ambiente, territorio

Partecipano:

·         Luigi De Lucchi (Regione Veneto)

·         Alberto Bonini (ARPA Veneto):

·         Gianni Tamino (Università di Padova):

·         Giovanni Beghini (ISDE)

·         Tiziano Quaini (A.Ve.Pro.Bi.) 

·         Guglielmo Donadello (Legambiente)

L’incontro è un’attività del progetto “Climate Change: Migliorare le competenze sul rapporto tra MDG 1 e 7, come un approccio efficace per lotta alla povertà e per la sostenibilità ambientale”, finanziato dall’Unione Europea, realizzato  dall’ONG COSPE, in qualità di ente capofila, in collaborazione con vari associazioni ed enti europei. (http://www.climatechangeproject.eu/)

Rubano (PD),  Sabato  23 maggio 2015

Parco Etnografico di Rubano - Sala Vetri   -- via Valli, 2

Per Informazioni

Sara Miotto - Responsabile COSPE Veneto – Via Citolo da Perugia 35, 35137 - Padova 

tel.  335.74.90.329  email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

www.cospe.org

Iniziativa realizzata nell’ambito del progetto

 

 

“EuropeAid/DCI-NSAED/2012/280- 926”