Cultura e il dialogo interculturale

Martedì, 27 Maggio 2014 Scritto da 

Non esiste una definizione universalmente valida per l'espressione "dialogo interculturale". Al momento la migliore definizione è forse quella del Consiglio d'Europa che nel suo Libro Bianco sul Dialogo Interculturale afferma:

"il dialogo interculturale può essere concepito come un aperto e rispettoso scambio di vedute tra individui e gruppi con un diverso patrimonio e background etnico, culturale, religioso e linguistico".

Questa definizione è abbastanza ampia da comprendere tutti i tipi di scambi tra gruppi e individui culturalmente distinti, senza alcun ordine di priorità tra gli stessi. A livello planetario, la diversità culturale e il dialogo interculturale sono diventati importanti sfide per un ordine mondiale basato sulla pace, sulla comprensione reciproca e sul rispetto di valori condivisi quali la protezione e la promozione dei diritti umani e la salvaguardia delle lingue. La diversità culturale rappresenta una condizione essenziale dell'odierna società umana. La promozione del dialogo interculturale mira a rendere tale diversità una fonte di ricchezza reciproca e a favorire la comprensione, la riconciliazione e la tolleranza.

Perché è così importante il dialogo interculturale nell'Agenda Politica dell'UE oggi?

Oggi in Europa gli scambi culturali sono più che mai vivaci e intensi. La libertà di circolazione sancita dal Trattato CE ha notevolmente agevolato il dialogo e gli scambi culturali transfrontalieri. Si diffondono le attività culturali e la domanda di beni culturali, cui i nuovi strumenti di comunicazione offrono un accesso senza precedenti. Contemporaneamente, la globalizzazione ha accresciuto l'esposizione alle culture più lontane di ogni parte del mondo. Ciò ha sollecitato la nostra curiosità e la nostra capacità di rapportarci proficuamente con altre culture, contribuendo anche alla diversità delle nostre società. Ciononostante questo stesso processo ha fatto sorgere interrogativi circa l'identità dell'Europa e la sua capacità di garantire società interculturali e coese. La diversità culturale, il dialogo interculturale e l'impatto economico della cultura sono ormai tra i punti prioritari dell'agenda della UE.