Agro-ecologia: un modello di sviluppo agricolo in stretta connessione con il diritto al cibo, la tutela ambientale e la corretta gestione idrica

Nov 18, 2015 Posted by:  

Parlare di agro-ecologia significa trattare di una disciplina scientifica che include lo studio degli agro-ecosistemi compresi gli elementi umani e ambientali; di una serie di principi e di pratiche che rafforzano la resilienza, la sostenibilità ambientale e socio-economica dei sistemi agricoli; di un movimento sociale impegnato a ricercare un nuovo modo di considerare l’agricoltura nelle sue interrelazioni con la società.

L’agro-ecologia è un approccio multi-funzionale all’agricoltura in grado d’incrociare bisogni ambientali, economici e sociali rafforzando la sostenibilità ambientale e la capacità di resilienza  in maniera particolare nelle aree soggette a degrado ambientale e ad eventi climatici estremi.

L’agro-ecologia è in grado di sostenere la sovranità e la sicurezza alimentare dal momento che pone l’agricoltore al centro delle decisioni nella produzione agricola diversificando le colture e privilegiando quelle ad alto livello nutrizionale, riducendo la sua dipendenza dall’uso dei pesticidi chimici e puntando sul miglioramento dei servizi ambientali.

Obiettivi dell’agro-ecologia sono: la ri-costruzione della struttura del terreno migliorandone la fertilità e riciclando i nutrienti, l’efficienza ed il risparmio idrico, l’utilizzo di risorse locali e la valorizzazione della bio-diversità.

Grazie alla maggiore capacità di resilienza e sostenibilità ambientale rispetto all’agricoltura intensiva ed estensiva l’agro-ecologia conquista una posizione rilevante e strategica in un contesto di cambiamenti climatici globali. Eppure, la sua promozione nelle politiche agricole pubbliche, la ricerca scientifica in questo ambito e l'estensione produttiva è ancora limitata. Il consolidamento e l’approfondimento delle conoscenze in agro-ecologia devono passare attraverso strumenti multi-dimensionali che misurano non solo i rendimenti, ma anche i suoi molti altri benefici: quello economico, quello ambientale e quello sociale. L’integrazione agro-ecologica nelle politiche e nelle pratiche richiederà un cambiamento culturale e filosofico fondamentale nel modo in cui le nostre società percepiscono e definiscono l'agricoltura “produttiva ed efficiente” perché le pratiche agro-ecologiche tengono conto della sovranità alimentare, consentendo agli agricoltori di aumentare e diversificare la loro produzione stabilizzandone i rendimenti; dell’agro-bio-diversità, di una migliore gestione del paesaggio, di un minore impatto ambientale e di una maggiore resistenza la clima.

 

Fonte: Laura Silici, 2014. Agroecology: What it is and what it has to offer. IIED Issue Paper, London.

Last Modified: Nov 18, 2015